Diego Perathoner

Inant con tia idees!

Quello che nel lontano 1995 era considerato un sogno nel cassetto, a distanza di quasi tre decenni la SELLARONDA SKIMARATHON nel mondo dello scialpinismo è diventata un autentico punto di riferimento.

Una gara, una creatura generata dalla mente vulcanica di Diego Perathoner che l’ha trasformata da sogno a realtà.

Diego è stato un visionario, figlio di quel mondo imprenditoriale che da sempre contraddistingue con successo la Val di Fassa. Un uomo diventato adulto in compagnia anche degli sport che lui amava, come arrampicare le sue montagne o discenderle vertiginosamente con gli sci.

Ma più di ogni altra cosa sono stati i viaggi avventurosi dei quali non poteva farne a meno ad aprirgli la mente per arrivare prima di altri a continui nuovi obiettivi da raggiungere. Il suo carattere gioioso poi ha fatto il resto. Sapeva conquistare chi gli stava attorno, con tratti vincenti come gioia, allegria e semplicità. Così, quando decise di dare inizio a questa meravigliosa avventura non gli fu difficile trovare collaborazione tra amici e istituzioni locali.

Tuttavia, non gli bastava. Quindi ebbe anche il geniale intuito di cambiare ogni anno la location di partenza e arrivo della manifestazione trovando, pure in questo caso, immediata collaborazione dalle valli ladine limitrofe attorno al massiccio del Sella, le quali accolsero con entusiasmo il progetto innovativo. Pertanto, i suoi buoni rapporti coltivati nel tempo oltre la valle di Fassa avevano avuto ancora una volta l’effetto desiderato.

In breve tempo portò la Sellaronda Skimarathon ad una visibilità tale da essere considerata una delle gare scialpinistiche più importanti al mondo. A tal punto da costringerlo, dopo poche edizioni, a porre un limite alle iscrizioni. Il successo continuò senza soluzione di continuità sino al 2009, nel quale una sera di dicembre Diego non ha più fatto ritorno a casa.

Gli amici, la comunità, le istituzioni e le autorità uniti nel dolore lo poterono salutare per l’ultima volta nella chiesa di Canazei. Da allora Diego non è più con noi ma ha voluto lasciarci in eredità il suo ricordo sempre vivo, la sua creatura sportiva, le sue idee da custodire e portare avanti, la gioia di vivere e l’amore per la montagna.

La sua famiglia e tutti i collaboratori hanno voluto fortemente portare avanti la prestigiosa opera. È il modo migliore per ricordarlo. Perché Diego è stato una folata di vento, un sole improvviso troppo presto tramontato.

Sponsor
SellaRonda Skimarathon